Nei giorni scorsi è stata presentata alla Camera una nuova proposta di legge, che potrebbe interessare e soprattutto essere davvero utile a molte famiglie che hanno in casa degli amici a quattro zampe.

 

Quest’idea, che attualmente è già stata messa in pratica dal Comune di Roma, è nata per andare incontro a tutte quelle persone che hanno un animale domestico, ma che purtroppo si ritrovano in difficoltà economiche. Il servizio proposto a Roma offre gratuitamente determinate prestazioni veterinarie ai cani ed ai gatti, di tutti quei cittadini che ne fanno richiesta e che dispongono di almeno uno dei seguenti requisiti:

  • modello ISEE non superiore a 15 mila euro;
  • titolari di pensione sociale;
  • persone non vedenti che si avvalgono dell’aiuto di un cane guida;
  • associazioni “no profit” che praticano il pet-care in strutture come ospedali, case famiglia ecc.

 

veterinario-gratisNel caso specifico dei cittadini della capitale la domanda dovrà essere presentata presso il Dipartimento tutela ambientale, Servizio benessere degli animali. Sul sito del comune si possono trovare tutte le informazioni necessarie per accedere a questa prestazione. (qui).

Per i residenti di tutte le altre città italiane non rimane che aspettare che la proposta venga valutata e nel caso entrasse in vigore sarebbe un vero e proprio passo avanti anche per la lotta contro il randagismo. Infatti aiutando le persone in difficoltà economiche a curare i propri animali, si eviteranno di certo moltissimi abbandoni. Inoltre la legge parla anche di instituire un’anagrafe canina e felina che copra e colleghi tutto il territorio nazionale, di modo che per esempio un cane che è iscritto in una determinata regione possa essere identificato anche in un’altra.

Segui le novità sulla nostra pagina Facebook, non perderti coupon e promozioni, video divertenti e tutorial per il fai da te, offerte lampo e notizie dal mondo del lavoro.
Clicca “Mi Piace” su Coupon Gratuiti.

Leggi come sostituire l’ammorbidente in lavatrice con idee ecologiche.


loading...

2 Commenti

  1. Signorina Franchini la ringrazio per questo articolo interessantissimo,ma purtroppo abitando a Ferrara (Emilia Romagna) pur essendo a bassissimo reddito non posso usufruirne , città italiane copiate questa meritevole iniziativa …

Scrivi un commento

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.